RIVESTIRE PER ARREDARE (E DECORARE): LA BOISERIE

LEGNO, GESSO O METALLO?
UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI QUESTA ELEGANTE TECNICA DECORATIVA, SEMPRE PIU’ UTILIZZATA NELL’ARCHITETTURA CONTEMPORANEA.

RIVESTIRE PER ARREDARE (E DECORARE): LA BOISERIE

LEGNO, GESSO O METALLO?
UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI QUESTA ELEGANTE TECNICA DECORATIVA, SEMPRE PIU’ UTILIZZATA NELL’ARCHITETTURA CONTEMPORANEA.

Molto popolare nella Francia del XVI e del XVII secolo, la boiserie sta oggi riscoprendo una seconda giovinezza, grazie a un impiego sempre più diffuso come vero e proprio elemento d’arredo, capace di conferire stile e personalità agli ambienti in cui viene utilizzato.

Ma di cosa si tratta, esattamente?

Come suggerisce il nome, si tratta di un rivestimento murario, originariamente realizzato in legno e riccamente intarsiato, nato con un doppio scopo: da un lato proteggere gli spazi interni dal freddo e dall’umidità, e dall’altro decorare.

Se la prima funzionalità sta oggi venendo sempre meno, la boiserie è oggi sempre più diffusa nell’architettura contemporanea come oggetto di design, sia realizzata nel tradizionale legno che in materiali più innovativi, quali ad esempio il gesso o il metallo.

Inoltre oggi la boiserie sta trovando sempre più utilizzo come elemento protettivo delle pareti, soprattutto in ambienti commerciali o in quegli ambienti dell’abitazione (quale ad esempio il bagno) dove è più alto il rischio di deterioramento delle semplici pitture murali.

Scopriamone insieme pro e contro.

La boiserie in legno: un classico elegante e intramontabile.

Elegante e ottimo come isolante termico, il legno è senza dubbio il primo materiale da considerare per la realizzazione della propria boiserie.

In questo caso, la boiserie è essenzialmente costituita da una serie di pannelli rigidi, fissati alla parete tramite tasselli o colle speciali. Questi possono essere realizzati su misura dal falegname sul progetto dell’architetto, se il budget lo consente, altrimenti in commercio esistono soluzioni già pronte solamente da installare.

Ovviamente, per una resa ottimale è fondamentale basarsi su di un progetto ben definito; in commercio esiste infatti una gamma pressoché infinita di pannelli, diversi tra loro sia per dimensione e spessore che per tipologia di decorazione, da quelli lisci a quelli che presentano pattern o intarsi sulla superficie.

Avere un progetto del proprio architetto consente quindi di scegliere quelli che meglio si armonizzano all’interno dei nostri spazi, valorizzandoli. Una boiserie con intarsi, ad esempio, si presta molto bene per essere utilizzata in ambienti storici, ma probabilmente risulterà distonica in spazi più shabby.

Anche in ambienti più moderni può trovare spazio l’utilizzo di una boiserie in legno.

 

Parlando di costi, una boiserie legno può oscillare dalle poche centinaia alle diverse migliaia di euro, a seconda della tipologia di materiale e di decorazione scelti. La buona notizia è che la sua installazione è relativamente semplice, quindi può essere gestita in autonomia o direttamente dal falegname che ne ha curato la realizzazione, senza doversi sobbarcare ulteriori costi.

Resistente, elegante e versatile: scopriamo insieme la boiserie in gesso o stucco.

Altrettanto elegante, ma sicuramente più economica e più resistente della boiserie in legno, oltre che più versatile negli utilizzi, vi è poi quella in ceramica o stucco.

Si tratta infatti di una soluzione che ben si adatta sia alla decorazione di facciate di palazzi e ville antiche che nella decorazione di pareti interne.

Le boiserie in stucco sono semplici da applicare e si adattano a differenti tipologie di ambienti

 

Inoltre, trattandosi essenzialmente di elementi prefabbricati semplicemente da tagliare su misura e dipingere del colore della parete, il loro acquisto può essere fatto tranquillamente online e possono essere installati sia in autonomia che, ad esempio, coinvolgendo l’imbianchino durante il suo lavoro.

Nel primo caso, un consiglio che mi sento di darti è quello di disegnare sulla parete come e dove andrà collocata la boiserie, per andare poi a sagomare i pannelli della dimensione corretta.

Le boiserie in metallo: una soluzione da non sottovalutare.

Infine, una soluzione ancora minoritaria ma, a oggi, sempre più diffusa è quella delle boiserie in metallo.
Il segreto del loro utilizzo sta semplicemente nel fatto di definire un ritmo, attraverso il loro utilizzo, per conferire alla parete quel quid che la renderà unica.

Al di là del materiale scelto, un utilizzo molto interessante riguarda la possibilità di utilizzare le boiserie per nascondere porti scorrevoli o a battente, creando, anche attraverso l’utilizzo di pattern geometrici, delle illusioni ottiche che faranno restare il nostro ospite piacevolmente stupito.

Partendo dal presupposto che una boiserie può essere installata in qualsiasi stanza della nostra abitazione, anche in bagno (del resto, anche le classiche coperture con mattonelle sono, tecnicamente, delle boiserie), una domanda che spesso mi viene posta è: quanto farle alte?

Qui le strade maggiormente utilizzate sono due: a mezza altezza o a tutta altezza. Questo non significa “standardizzare” la boiserie: una boiserie può accompagnarsi a una cornice a soffitto, piuttosto che a un soffitto cassettonato o decorato; una soluzione particolarmente indicata per abitazioni d’epoca, seppure scarsamente utilizzabile in ambienti più contemporanei.

Per questi, invece, è largamente utilizzata l’installazione di boiserie di altezze diverse su differenti parenti della stessa stanza, piuttosto che l’alternanza di pareti a riquadri in gesso con pareti completamente lisce.

Una boiserie a tutta parete può accompagnarsi a soffitti con decorazioni, o essere affiancata a pareti completamente lisce.

 

Il segreto, quindi, è molto semplice: avere un progetto di un esperto che ci aiuti nell’utilizzare al meglio questo elemento, di modo che diventi un modo per valorizzare e dare personalità ai nostri spazi, e non finisca per penalizzarli o per risultare, comunque, slegato da essi.

E tu, stai pensando a una ridefinizione dei tuoi spazi?

Vuoi un aiuto a disegnare la boiserie che meglio si adatta ad essi?

Scrivimi, sarò felice di aiutarti.

I consigli dell’Architetto

Image
Architetto e urbanista, sono nata a Pisticci, un piccolo paese della provincia di Matera.
Oggi, la mia professione mi permette di esprimere la mia passione verso l’ARCHITETTURA, in tutte le sue forme, dall’urbanistica all’edilizia, dal cantiere all’interior design.
Image
Architetto e urbanista, sono nata a Pisticci, un piccolo paese della provincia di Matera.
Oggi, la mia professione mi permette di esprimere la mia passione verso l’ARCHITETTURA, in tutte le sue forme, dall’urbanistica all’edilizia, dal cantiere all’interior design.

HAI DELLE DOMANDE O DELLE CURIOSITA’?

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

Vado a vivere in campagna
Vivere in campagna: per tanti, ai tempi di pandemia e coronavirus, un sogno. Una scelta di vita che, con qualche buon consiglio e la guida esperta di un professionista, sono sicura che sia alla portata di tutti. Scopri come, e progetta insieme a me la tua casa in campagna!

Luce e design: arredare con la luce
La luce riveste un ruolo fondamentale in Architettura: è indispensabile per due motivi. Il primo è legato all’utilità, poiché deve soddisfare precise necessità di potenza, dislocazione e sicurezza dei luoghi; il secondo estetico, essendo l’unica responsabile dell’atmosfera dei luoghi. Installare la giusta luce nel giusto posto può fare la differenza. Scopriamo insieme come fare.

Rivestire per arredare (e decorare): la boiserie
Molto popolare nella Francia del XVI e del XVII secolo, la boiserie sta oggi riscoprendo una seconda giovinezza, grazie a un impiego sempre più diffuso come vero e proprio elemento d'arredo, capace di conferire stile e personalità agli ambienti in cui viene utilizzato. Scopriamone insieme pro e contro.

PROGETTA TU

CREA IL TUO PROGETTO SU MISURA

PROGETTA TU

CREA IL TUO PROGETTO SU MISURA

Comments
Share
Marina D'Onofrio